mercoledì 31 luglio 2013

Giorgetti Arabella

 
 
I think that the right word is retrostalgia. It's exactly how I'll define Arabella essence, one of the most beautiful and intuit armchairs placed in the market over the past years, designed by the founder and owner of the Giorgetti spa, Carlo, that intrigued by the functionality of the feminin corsets decided to study the sinuosity with which they shaped the body following its curves.
 
Io credo che la parola giusta sia retrostalgia. Si, è così che che definirei l'essenza di Arabella, una delle più belle e intuite sedute lanciate nel mercato degli ultimi anni, nata della penna del titolare della Giorgetti, Carlo, che incuriosito dalla funzionalità dei corsetti femminili ha deciso di studiare la sinuosità con cui essi modellavano il corpo seguendo le curve. 
 
 
Possibly you can recognize some 20' profiles with a touch of some yuppie 80' furniture living room. Fascinating but technologic, formal but elastic, snob but politically correct. Picture perfect. I'm ready to draw on it a woman with some black light stockings, back-combed hair and a small Evian by the hand...

Credo che in lei si riconoscano delle linee anni '20 unite al ricordo dei salotti yuppie degli anni '80. Affascinante ma tecnologica, formale ma elastica, snob ma politicamente corretta. Sono pronta a dipingerci sopra una donna con collant 20 denari, capello cotonato e bottiglietta di Evian alla mano...


 
Shape aside, what makes Arabella desirable beyond attraction is its flexibility. Under false pretences it's hidden a system made by the combination of polyurethane and blades of harmonic steel that allows the body to be embraced in many and several positions, depending on the weight and on how the person wants to be seated, working independently.
 
Forma a parte, quello che rende desiderabile oltre che attraente Arabella è la sua flessibilità. Sotto mentite spoglie si nasconde un sistema fatto dalla combinazione tra poliuretano espanso e lame di acciaio armonico che consenta di accogliere il corpo in molte e varie posizioni, a seconda del peso e di come la persona vuole stare seduta, lavorando indipendentemente.
 
 


The company decided to propose it in many colors and fabrics, passing through simple cotton covery or with a silk velvet produced exclusively with Hermes. If I had to choose I'll pick all the cold colors, represented by the winter season, like they are proposed in theri catalogue.
Simply gorgeous, you don't want to miss it. here.

L'azienda ha scelto di declinarla in vari colori e tessuti, passando da rivestimenti con un cotone semplice oppure con velluto di seta prodotto in esclusiva con Hermes. Se dovessi scegliere prenderei tutti i colori freddi, legati alla stagione invernale, così come proposti nel loro catalogo.
Bellissimo, non perdetevelo. qui.

 
This is my interpretation of the retrostalgic made in armchair; the Arabella woman.
 
Questa è la mia interpretazione della retrostalgia fatta poltrona; la donna Arabella.
 



 
 
Giorgetti Arabella armchair
design by Carlo Giorgetti and Massimo Scolari
 
I was wearing:
Antonio Marras White Scoop Neck Vest here
Turquoise crochet scarf from Mexico city
J Brand mid-rise skinny jeans found here
Zara high heels with ankle strap (already seen here)
Accessorize Beads clutch
H&M Fake diamonds necklace and earrings and golden rings
Pimkie Skull jacket
Kiko 804 Coral nail polish
 
(All the product images courtesy are property of Giorgetti-spa.it)
 
 

lunedì 22 luglio 2013

Beads into harmony of oranges

 
Let's say the truth, the African theme comes out every summer. A reason is that turbans are a valid B side of the chignon, another one because a Kenya safari in the Samburu reserve wouldn't be such a bad idea, but most of all for the beads. Someone please break down the enigma beads / 85°F. Why? Have you ever seen someone with a multicolored ethnic necklace? I haven't. But the thing is that this year, most than ever, shops and malls are settled by regular/unregular zigzags, warm tones matched with fluo notes, framed animalier prints, geometric shapes, stylised masai figures (...) All melted into color bleacher. 'Cause it's exactly how I remember Africa, a contraddiction into harmony of oranges.
 
Diciamo la verità, il tema Africa viene fuori tutte le estati. Un po' perchè i turbanti sono il valido lato B dello chignon, molto perchè come vacanza un safari al Samburu in Kenya non sarebbe male, ma soprattutto io credo per le perline. Qualcuno risolva l'enigma perline / 30°C. Perchè? Avete mai visto a dicembre qualcuno con una collana etnica multicolor? Io no. Fatto sta che quest'anno i negozi si sono popolati di piu' o meno regolari zigzagature, toni caldi abbinati a note fluo, riquadri animalier impaginati quà e là, figure geometriche, omini stilizzati (...) Il tutto dentro una gradinata di colore. Perchè è così che me la ricordo l'Africa, una contraddizione in armonia di arancioni.



 




 
So finally I got myself bead-alized, bewitched by the story of the earring that I'm wearing; the person that gave it to me got it as a gift from a Kenyan woman in a fruit market lost in the middle of nowhere... You can end the story as you wish, even if I'm telling you: in mine she was seating on Vita*, but in the opposite side, waiting for the next rain to come.
E alla fine ci sono caduta anch'io, stregata dalla storia dell'orecchino che indosso; la persona che me l'ha prestato se lo è fatto regalare da una donna keniota che vendeva frutta in un mercato disperso praticamente in mezzo al nulla... La storia finitela voi, anche se ve lo dico: nella mia lei stava seduta su Vita*, ma al contrario, aspettando la prossima pioggia.
 

*Vita stool
(for shop info drop in my inbox)

Zara pants
Zara menswear shoes
Pimkie beads T-shirt
H&M clutch (old)
Kiko nail laquer Turquoise 387
Masai beads accessories thanks to
Patrizia from San Francesco Village project



mercoledì 17 luglio 2013

I feel like minimal rebel

 
Wednesday woke up like this: challenging stripes and messy hair. Don't care.
Days like this = cap is the best choice
Sorry for the short post, today I feel like minimal (well, minimal rebel).
 
Mercoledì svegliata così: combattendo le righe e i capelli. Non mi preoccupo.
Giorni così = il cappellino da baseball è la scelta migliore
Scusate per il post corto, oggi ho del sentimento per il minimal (minimal ribelle)

Cap Da Kute Face
by Brian Lichtenberg

venerdì 12 luglio 2013

Type it


 
Everybody are into this. Designers, consumers and fabrics know that joined to the word "high quality" there's another one that is "custom". More and more we want to make the space that surround us more personal and close to our way to live and communicate; make people come into our world making them perceive exactly our spirit, our taste, the treasure collected during our travels, the post - its smashed on our fridges. Online (yes I was adding to cart on a shopping site) I've found Tabisso, a french contract brand that produces these alphabetic characters seats from A to Z ad numerical from 0 to 9, completing the Typographia collection with lamps that represent punctuation symbols + asterisk and hashtag ( to make the message more social ;) Like it or not I think anyway that is a clever and cute idea, most of all if I have to think about a bar or club owner who want to entertain their clients making them chase the seat with the starting letter of their name; or in case of previously taken, to invent their possible new fake name (Sorry the divagation, but I'm kind of liking this thing)... I have immediately composed our acronym #EBG. So what do you think: it works?
 
Ormai se ne stanno accorgendo in tanti, designer, consumatori e aziende, la parola d'ordine, insieme ad "alta qualità", è "personalizzazione". C'è il desiderio sempre più forte di rendere lo spazio che ci circonda più vicino al nostro modo di vivere e di comunicare, di far entrare nel nostro mondo le persone facendole percepire esattamente di che spirito siamo fatti, i nostri gusti, i tesori raccolti durante i nostri viaggi, i messaggi veloci scritti sui post-it dei nostri frigoriferi. Navigando in rete ( si ok, era shopping online)  ho trovato Tabisso, un marchio francese contract che produce queste poltroncine alfabetiche dalla A alla Z e numeriche dallo 0 al 9, completando la linea Typographia con lampade che rappresentano simboli di punteggiatura + asterischi e hashtag (per rendere il messaggio più social ;) Che piacciano o meno trovo comunque intelligente e simpatica l'idea che hanno avuto, soprattutto se dovessi pensare a chi è proprietario di un bar o un locale e vuole far divertire i suoi clienti alla caccia della poltrocina con la lettera iniziale del loro nome; o se per caso non fosse disponibile a inventare quale potrebbe essere il proprio finto nome con la lettera dove ci si sta per sedere (Scusate la divagazione ma questa cosa mi sta piacendo)... Io ho subito composto il nostro acronimo #EBG. Che dite: funziona?
 
 
 
 
 
 
 
 


 

Tabisso Seats
Typographia collection

I was wearing

Accessorize hat
Alcott white shirt
Silvian Heach pants
Zara heeled sandals (old)
X earrings (bought in Istanbul)


giovedì 4 luglio 2013

Design is a therapy

 
And Viceversa. Even Woody Allen said it "psychoanalysis is a myth kept alive by the sofas", how to blame him. What he didn't specify is that an entire design industry often has its roots in consumers psychology e into the idiosyncratic mind of the designers.
Many support that design is function, a thing that I totally agree with, is essential "good and right" thing, even if that isn't'enough for me. What I require from tings is that something that can keep me company, objects that can make my day because they remind me a good moment or a bad 15 minutes.
 
E viceversa. Anche Woody Allen lo diceva, "la psicanalisi è un mito tenuto in vita dall'industria dei divani", come dargli torto. Quello che non aveva specificato è che un'intera industria del design ha spesso radici nella psicologia dei consumatori e nelle menti idiosincratiche dei progettisti.
Molti sostengono che il design è funzione, cosa che trovo essenziale, "buona e giusta", ma a volte a me non basta. Quello che esigo nelle cose è qualcosa che possa farmi compagnia, oggetti che mi rallegrino la giornata perchè mi ricordano un evento, una bella giornata o un brutto quarto d'ora.
 
 

They can also help you overtake a bad experience. In my case, I had a bad accident that changed my life in my childhood, where it was envolved also a parrot. For long time it was one of those symbols that I've tried to avoid, running away from every kind of colored bird. And then one day a friend came up my house and make me a corkscrew as a gift, Parrot by Alessi, that was definetively the key element to say "peace". The shape complete the function with a perfect harmony, and it's exactly how I imagine a real one, with feathers and everything: cute but not that much, let's say fade.
 
A volte servono anche per superare una brutta esperienza. Nel mio caso, da bambina ho subito un brutto incidente che ha segnato la mia vita, dove era coinvolto anche un pappagallo. Per lungo tempo è stato uno di quei simboli che ho sempre cercato di evitare, scappando da qualsiasi forma di volatile colorato. Finchè un giorno mi è stato regalato il cavatappi Parrot di Alessi, ed è stato l'elemento chiave per mettersi in cuore in pace. La forma stilizzata integra la funzione con un'armonia perfetta, ed è esattamente come ne immagino uno in carne e piume: simpatico ma non troppo, direi svampito.


 


So stopper by stopper the parrot with the metal heart became part of my story (and inseparable pal of my kitchen). Someone should say to Allen the nowadays psychoanalysis is a myth kept alive by zoos...
 
Così, tappo dopo tappo il pappagallo dal cuore di metallo è diventato parte della mia storia (e inseparabile amico della mia cucina). Bisognerebbe dirglielo ad Allen che al giorno d'oggi la psicanalisi è un mito tenuto in vita dagli zoo...


Parrot corkscrew Alessi
2005. design by A. Mendini

I was wearing:

Diesel GETLEGG 0602C skinny jeans
Zara Top Basic
Zara Ankle strap sandals
Goorin Brothers cap
H&M earrings and bangle
Satchel brandless bought in Shanghai