lunedì 26 novembre 2012

Do it your own


When I bought home, one of the first things that I've said to myself was "If it's not one of pur designed pieces, I want to produce them by own, or with vintage pieces, rivisited. Then, is stupid to pretend to be necessarily bohémien (Yes, I've bought Ikea dishes), there is not always all that time at disposal, and often ready made is cheap and simple. Sometimes is nice to buy maybe some other design pieces, because out there, there are really cool one's, without spending a fortune, or again, commit oneself to local artisans that often do some little masterpieces. But for the chairs research I remeber that I had a lot of fun crawling into vintage markets (great workout for business), bargaining even the dust.

Quando ho comprato casa, una delle prime cose mi sono detta è "Se non sono pezzi disegnati da noi, li voglio produrre da sola, o con oggetti vintage rivisitati. Poi, è inutile che facciamo finta di fare i bohémien a tutti i costi (i piatti dell'Ikea li ho comprati anch'io), non c'è sempre tempo, e il ready made, è spesso economico e semplice. Ogni tanto è bello acquistare magari qualche oggetto di altri designer, perchè ce ne sono davvero in giro di davvero geniali senza spendere un patrimonio, o ancora affidarsi all'ingegno di artigiani sconosciuti che spesso fanno dei piccoli capolavori. Però per la ricerca sedie mi ricordo di essermi divertita a strisciare nei mercati dell'usato (ottima palestra per gli affari), contrattando perfino la polvere.

When I saw this chair it was really a mess, its heart beated fòrmica (formaldeide) with that colour yellow canary (that never had a shower), typical od the elementary '80 school seating. " Hmm, ok, you have some potential babe". Did it. 6 chairs 60 Euro. And then the good part. Yes, because one thing you must achieve with design objects is that you can NEVER tell. So, the easy thing I've thought at the begin became a Get off-Varnish-Varnish-Varnish-Put on- Oh Noooo!-Get off- Put on. At last the result was excellent, and as usual, when you take care of something that will be your house companion you get affection of it, even if dear friend, Damn you're stiff!

Quando ho visto questa sedia era conciatissima, il suo cuore batteva di fòrmica (formaldeide) di quel colore giallo canarino, (che mai si è lavato), tipico delle sedute da scuola elementare degli anni '80. "Hmm, dai, tu del potenziale ce l'hai bella". Detto fatto. 6 sedie, 60 Euro. E poi il bello. Si, perchè una grande cosa da imparare è che "facile" con gli oggetti e il design, è qualcosa che non si può MAI dire. Quindi il facile che pensavo inizialmente si è trasformato in un lavoro certosino di Smonta-Vernicia-Vernicia-Vernicia-Rimonta- O Nooo!-Smonta-Vernicia-Rimonta. Alla fine però il risultato è stato ottimo, e come di solito accade quando ti prendi cura di quello che diventerà un tuo compagno di pranzi e cene, ti ci affezioni, anche se cara amica, Ma quanto sei dura!



It was a waste to shoot her in the house, I loved shooting it with the autumnal colours, with my Diesel bag that I've "pimped" with my golden G pin and the ceramic bracelet, bought in Provence, with pastel tones that make a really delicate constrast with the chinese silver one. And then the shoes, that I think I'm not going to take off for all the next season, from Giako, they're so comfortable, and one of my favourite outwear by Colcci.

In casa era sprecata, ho amato moltissimo fotografare il contrasto con con i colori d'autunno, insieme alla mia borsa Diesel, che ho personalizzato con la spilla G che mi è stata regalata anni fa, e i bracciale in ceramica comprato in Proveza, dai toni pastello che hanno un dolcissimo contrasto con l'argento di quelli cinesi. E poi le scarpe che penso non mi toglierò per tutta la prossima stagione, sono di una comodità pazzesca di Giako, e uno dei miei preferiti capispalla di Colcci.










Jeans: Diesel Industry - www.diesel.com
Shoes: Giako
T-Shirt: NLGX design www.nlgx.org
Outwear: Colcci - www.colcci.com
Scarf: H&M